Dal 2020 i superalcolici avranno le calorie in etichetta

Dal 2020 i superalcolici avranno le calorie in etichetta

Lʼaccordo raggiunto fra lʼUE e Spirits Europe prevede anche l'indicazione degli ingredienti. Ma dalla fine dell'anno prossimo solo 1 bottiglia su 4 presenterà queste informazioni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Giugno
2019

A partire dal 2020 almeno 1 bottiglia di superalcolici su 4 dovrà avere in etichetta le informazioni nutrizionali, indicando calorie e materie prime utilizzate per la bevanda. La quota è destinata a salire al 50% e al 66% rispettivamente entro la fine del 2021 e del 2022. Questo è il cuore dell'intesa che Spirits Europe, l'organizzazione europea dei produttori di superalcolici alla quale aderisce anche l'italiana Federvini, ha firmato con l'Unione europea a Bruxelles.

"L'accordo arriva dopo un lungo e intenso periodo di negoziazione durato 14 mesi", ha spiegato Spirits Europe in una nota. La disciplina attuale di etichettatura degli alcolici è legata al Regolamento europeo 1169/2011, che ha una ampia eccezione: esclude infatti dall'obbligo di indicazione di calorie e ingredienti una vasta categoria di prodotti fra cui birra, vino, aperitivi e superalcolici. La Commissione Europea comunicò la necessità di aggiornare la normativa sulle etichette informative in uno studio consegnato nel 2017 al Parlamento, e a marzo 2018 si giunse alla proposta di un primo accordo per l'etichettatura dei superalcolici, lasciando ampio spazio alle iniziative dei singoli Stati membri e dei privati.

Vytenis Andriukaitis, commissario UE per la Salute e Sicurezza alimentare, ci ha tenuto a sottolineare che "questa è un'epoca in cui i consumatori vogliono essere informati su ciò che mangiano e ciò che bevono, in modo tale da fare scelte più sane. Molte volte vorremmo sapere cosa contiene una bevanda alcolica, ad esempio le quantità di zucchero, in modo da capire che effetti può avere sulla nostra salute". 

Per ora si comincia dai superalcolici: "Le etichette forniranno informazioni sull'energia per singolo bicchiere e per 100ml, in modo simile a quello che già accade con le bevande analcoliche. Bisogna però avere pazienza - ha puntualizzato Spirits Europe -: alcuni produttori avranno bisogno di un po' di tempo per attuare questi impegni, contiamo di veder adeguato il 66% delle bottiglie in commercio entro il 2022".
"Ma non ci fermeremo qui. Forniremo l'indicazione - ha aggiunto Christian Porta, presidente di Spirits Europe - di tutte le materie prime utilizzate in tutte le categorie di alcolici".  

L'accordo prevede anche la creazione di un database su internet: le informazioni nutrizionali degli alcolici saranno consultabili via web, caricate su un portale aperto a tutti.

Vytenis Andriukaitis ha commentato l'intesa anche su twitter: "Quite a day! #SpiritsEurope are making a significant step towards improved consumer information. I encourage to implement that fully and as soon as possible! These commitments must be shown in body, not just in spirit!"


Condividi su: