Crescono ancora i terreni bio

Crescono ancora i terreni bio

In Italia, dal 2012, le superfici coltivate con il metodo biologico sono cresciute del 63%. In Europa, con 1,9 milioni di ettari, siamo secondi solo alla Spagna

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

31

Gennaio
2019

In Italia le superfici che producono colture biologiche sono cresciute del 63% dal 2012 al 2017. Di più hanno fatto solo Bulgaria (+249%), Croazia (+202%) e Francia (+69%). Lo certifica Eurostat.

L'Italia, con oltre 1,9 milioni di ettari nel 2017 si conferma tra i Paesi con le estensioni bio più grandi in termini assoluti, al secondo posto dopo la Spagna (2,1 milioni di ettari). La rilevazione del 2016 si fermavano a 1,8 milioni, con un incremento dell'8%.

Nel 2017 l'area coltivata a biologico nell'UE è stata di 12,6 milioni di ettari, il 7% della superficie agricola utilizzata totale, con un aumento del 25% tra il 2012 e il 2017.
I Paesi con le maggiori quote di superficie a vocazione biologica o in fase di conversione sul totale sono l'Austria (23,4% del totale), l'Estonia (19,6%), Svezia (19,2%), seguita da Italia (14,9%), Repubblica ceca (14,1 %), Lettonia (13,9%) e Finlandia (11,4%).


Condividi su: