Controlli ufficiali. Relazione 2017

Controlli ufficiali. Relazione 2017

Sono aumentati di circa il 20% i campioni prelevati e lievemente diminuite le non conformità. Tante le infrazioni negli stabilimenti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

14

Gennaio
2019

Il Ministero della Salute ha pubblicato il rapporto "Vigilanza e controllo degli alimenti e delle bevande in Italia. Anno 2017" della Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione. I controlli ufficiali sono eseguiti in qualsiasi fase della produzione, della trasformazione, della distribuzione, del magazzinaggio, del trasporto, del commercio e della somministrazione.
Nel rapporto sono messi in evidenza i numeri salienti dell'attività ispettiva del 2017:

  • sono stati prelevati 47.804 campioni ufficiali di alimenti, bevande e materiali a contatto con alimenti; su ciascun campione sono state effettuate in media 2,48 determinazioni analitiche per un totale complessivo di 118.550 analisi: sono risultate irregolari circa lo 0,88%; le non conformità si concentrano prevalentemente nelle “carni e prodotti a base di carne” e nei “prodotti lattiero caseari” e sono principalmente di tipo microbiologico
  • sul totale delle irregolarità microbiologiche la percentuale più alta si è registrata per il genere Escherichia coli (51,40%), incluso il gruppo degli Escherichia coli STEC, seguito dal genere Salmonella (38,2%) e da Listeria monocytogenes (20,41%)
  • i Servizi Igiene degli Alimenti e Nutrizione e i Servizi Veterinari dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL hanno complessivamente controllato 176.217 stabilimenti, dei quali 39.598 (pari al 22,59%) hanno mostrato infrazioni durante le ispezioni; complessivamente sono state effettuate 490.904 ispezioni.

Raggruppando i campioni in macrocategorie si osserva che la percentuale più alta di analisi, pari al 40%, ha riguardato gli alimenti di origine animale, il 29% la macrocategoria “altri prodotti alimentari”, mentre il 18% gli alimenti di origine vegetale. Percentuali più basse si riscontrano nelle bevande (11%) e nei MOCA (2%).

Le analisi previste nell’ambito dei piani regionali di controllo ufficiale non comprendono la ricerca di OGM, di farmaci veterinari e prodotti fitosanitari, di additivi, conservanti e sostanze aromatizzanti che rientrano in specifici Piani Nazionali di controllo ufficiale.

La macrocategoria “altri prodotti alimentari”, dove si concentra circa un terzo del controllo analitico totale, è costituita da un’ampia gamma di prodotti alimentari completamente differenti per composizione e caratteristiche chimico fisiche. Qui rientrano ad esempio i piatti pronti, erbe e spezie, zucchero, miele e prodotti di confetteria, snack ecc.

Durante il 2017 il numero dei campioni prelevati dalle autorità competenti risulta incrementato di circa il 19,67% (47.804 campioni del 2017 contro i 39.944 del 2016); dal momento che la media di determinazioni per campione non ha subito sostanziali modificazioni rispetto al 2016, anche il numero di analisi effettuate risulta aumentato e pari, appunto, a 118.550.
La percentuale di non conformità sul totale delle analisi effettuate mostra un lieve decremento (dallo 0,94% del 2016 allo 0,88% del 2017). "Questo risultato - si legge nel rapporto - potrebbe essere correlato all’entrata in vigore delle linee guida sul controllo ufficiale, ai sensi dei Regolamenti 882 e 854 del 2004, che stabiliscono, per ciascuna Regione o Provincia autonoma, la frequenza minima di controlli analitici da effettuare lungo l’intera filiera alimentare."
"Questo documento prevede che la frequenza dei controlli analitici ufficiali venga fissata sulla base di un’effettiva valutazione del rischio che deve tenere conto di tutti gli aspetti che possono incidere direttamente e indirettamente sulla sicurezza alimentare. L’individuazione dei settori più critici della filiera agroalimentare, ove concentrare le attività di verifica, consente una notevole riduzione dei costi e un migliore utilizzo delle risorse, garantendo pertanto una maggiore efficienza del controllo ufficiale".

Vigilanza e controllo degli alimenti e delle bevande in Italia - anno 2017


Condividi su: