Controlli differibili e non: la nota del MinSan

Controlli differibili e non: la nota del MinSan

Con il perdurare della situazione di emergenza, il Ministero della Sanità ha emanato la nota relativa alle attività non differibili e quelle differibili per altri 30 giorni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

27

Aprile
2020

Stante il perdurare dell’emergenza Covid-19 sul territorio nazionale, il Ministero della Sanità ha emanato la Circolare "Emergenza da SARS CoV-2 (Pandemia Covid19): sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare" con la quale trasmette, il documento concernente gli aspetti di sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare, anche alla luce di quanto previsto dal Regolamento di Esecuzione n. 2020/466 del 30 marzo 2020, relativo a misure temporanee volte a contenere rischi sanitari diffusi per l’uomo, per gli animali e per le piante e per il benessere degli animali in occasione di determinate gravi disfunzioni dei sistemi di controllo degli Stati membri dovute alla malattia da coronavirus.

Il documento di cui all'allegato 1, predisposto dalle scriventi Direzioni generali della sanità animale e dei farmaci veterinari e per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, sostituisce quanto contenuto nelle precedenti note DGSAF prot. n. 5086, 6249 e 6579 rispettivamente del 2, 12 e 18 marzo 2020.

Con questa circolare, il Ministero della Salute, in continuità con le precedenti disposizioni, ha individuato le attività indifferibili, che devono essere assicurate su tutto il territorio nazionaleper motivi di rischio sanitario e/o per elevato impatto economico, e quelle che le Regioni e Province Autonome sulla base di una specifica valutazione delcontesto e rischio sanitario sul proprio territorio, possono rimodulare e/o differire per ulteriori 30 giorni.

Anche di questi aspetti si parlerà al Seminario Reg. UE 2017/625: ricadute sui controlli ufficiali e aspetti controversi per l’OSA, in programma in web conference il prossimo 6 maggio.


Condividi su: