Consorzio Casalasco rafforza la presenza sul mercato francese

Consorzio Casalasco rafforza la presenza sul mercato francese

Con l'acquisizione del 65% di SAC il Consorzio Casalasco del Pomodoro continua la sua strategia di espansione verso nuovi mercati

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Settembre
2018

Consorzio Casalasco del Pomodoro, azienda specializzata nella produzione e trasformazione di pomodoro da industria, e SAC spa, con sede a Carmagnola e uffici commerciali a Parigi - che distribuisce derivati del pomodoro, salse e condimenti, frutta sciroppata, riso e legumi - hanno concluso l’accordo di trasferimento delle azioni che sancisce l’acquisizione del 65% delle azioni di SAC da parte del Consorzio.

L’operazione rafforza entrambe le società che da tempo, oltre ad aver già un rapporto societario in essere, collaborano in ambito commerciale su mercati esteri.

Il Consorzio, con 240 milioni di euro di fatturato nel 2017 e oltre 560.000 tonnellate di pomodoro fresco trasformato, ha avviato negli ultimi anni un’importante processo di crescita.

Con l’obiettivo di diventare sempre di più la realtà italiana di riferimento nel settore delle conserve di pomodoro a livello internazionale sia attraverso marchi propri (Pomì, Pomito, De Rica) sia per conto della grande industria di marca e delle private label, il Consorzio ha investito nei propri stabilimenti di Rivarolo del Re (Cr), Fontanellato (Pr) e Gariga di Podenzano (Pc).

Con questa operazione, il Consorzio Casalasco del Pomodoro prosegue, la strategia da tempo definita di rafforzamento della propria filiera distributiva internazionale.

“L’acquisizione di SAC - ha dichiarato Costantino Vaia, DG del Consorzio - rientra in un piano strategico di sviluppo che prevede partnership e acquisizioni di realtà consolidate e già presenti sui mercati internazionali. Siamo convinti che unire il know-how di Casalasco e la conoscenza del mercato di SAC, sia il primo passo per diventare uno dei principali riferimenti del settore anche in Francia. L’esperienza della famiglia Oglino, che continuerà a gestire la società, potrà darci un importante contributo per accelerare questo processo di sviluppo”.


Condividi su: