Comunicare il valore del vino

Comunicare il valore del vino

Il 30 giugno e il primo luglio è in calendario a Villorba, Treviso, un corso per migliorare la capacità di trasmettere gli atout dell'azienda vitivinicola e dei suoi prodotti

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

01

Giugno
2017

La relazione interpersonale può dare valore a una bottiglia di vino o, al contrario, annullarne il bisogno. La vendita, come e più di ogni processo produttivo, è legata a un fattore umano, che è la componente più potente. Imparare a gestire le relazioni equivale, quindi, a dare un plus all'impresa e al prodotto. Da questo presupposto nasce il progetto La relazione che crea valore, format full immersion, dedicato a titolari e dirigenti d'azienda ideato da Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel vino, che ha elaborato questo percorso proprio per rispondere a una specifica esigenza dei produttori: migliorare la capacità di trasmettere, a tutti i livelli, chi siamo e cosa facciamo. In una parola, il "valore".

Il programma del corso, che in Veneto si svolgerà a Villorba (TV) nelle giornate di venerdì 30 giugno e sabato 1 luglio, è studiato su misura per il mondo del vino, avvalendosi delle più recenti teorie in tema di neuroscienze e intelligenza emotiva. Tra i docenti coinvolti vi è infatti il Ph.D. Matteo Rizzato, esperto di neuroscienze e ricercatore in tema di neuroni specchio: "L'incontro sarà incentrato sull'esplorazione del rapporto diretto tra emozioni e comportamento umano e su come, conoscendo i meccanismi alla base di questa correlazione, possiamo migliorare notevolmente la nostra capacità di trasmettere in modo corretto ed efficace il nostro messaggio e, quindi, il valore dell'azienda e del prodotto".

Lo scopo di questo corso, teorico e con esercitazioni pratiche è dotare i partecipanti di innovative strategie comunicative dotate di solide basi scientifiche, fondamentali per una migliore gestione del rapporto con i collaboratori, la forza vendita e con i propri clienti.


Condividi su: