Clorpirifos: il pesticida è neurotossico

Clorpirifos: il pesticida è neurotossico

Secondo l'EFSA "non soddisfa i criteri previsti dalla legislazione per il rinnovo della sua autorizzazione all’uso nell’Unione europea"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

06

Agosto
2019

Il pesticida clorpirifos è già bandito in otto Paesi europei (ma non in Italia) e, probabilmente, a breve riceverà il veto della Commissione europea che deve rivederne l'approvazione entro il 2020. La domanda di rinnovo dei produttori è attualmente al vaglio della revisione prevista dal sistema UE per l’approvazione dei pesticidi.

Il Clorpirifos è, attualmente, uno degli insetticidi più usati per la difesa di arancio, limone, mandarino, clementino, pesco, melo, pero, fragola e vite. Viene usato anche per gli ortaggi come pomodoro, peperoni, melanzana, pisello,  ravanello e per difendere la patata, il mais, alcune piante ornamentali e il pioppo. C’è chi lo utilizza per disinfestare i cereali in granella immagazzinati.

Sebbene la revisione scientifica dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare sia ancora in corso, la Commissione UE ha chiesto all'EFSA di fornire una dichiarazione scritta sui risultati già disponibili in merito agli effetti sulla salute umana. Questi hanno messo in luce

preoccupazioni su effetti genotossici e neurologici durante lo sviluppo suffragate da dati epidemiologici che indicano effetti nei bambini. Ciò significa che non è possibile fissare un livello di esposizione sicuro, o valore di riferimento tossicologico, per la sostanza.

L’insetticida è dunque neurotossico. I prodotti a base di clorpirifos e i suoi derivati, previsti in sostituzione del DDT, interferiscono col sistema endocrino, provocano disturbi dello sviluppo cognitivo nei bambini e la diminuzione del quoziente intellettivo.
Stando a un articolo apparso a giugno su Le Monde, la Commissione europea si sta preparando al ritiro del clorpirifos dal mercato.

Approfondimenti EFSA:


Condividi su: