Cibus 2021: forse a giugno, forse a settembre

Cibus 2021: forse a giugno, forse a settembre

Sulla data sono in corso dei sondaggi tra espositori e buyer

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

14

Gennaio
2021

Confermata la 20° edizione di Cibus 2021, Salone Internazionale dell'Alimentazione, che, come sottolineano gli organizzatori Fiere Parma e Federalimentare, sarà il primo appuntamento fieristico dell'anno dedicato ai prodotti agroalimentari italiani, dopo lo slittamento di Tuttofood a ottobre 2021.

L'andamento della pandemia ha suggerito a Fiere Parma di valutare lo spostamento in avanti della data di apertura di Cibus2021, inizialmente prevista per il 4 maggio. Per fissare la nuova data sono stati avviati, alla fine del 2020, due sondaggi: uno su un campione di espositori di tutti i settori alimentari, l’altro su un panel di 1.500 buyer nazionali ed esteri provenienti da tutte le geografie di riferimento.

Stanno emergendo queste opzioni: aprire Cibus nella terza settimana di giugno, prima di Vinitaly di Verona, oppure agli inizi di settembre, prima del Salone del Mobile di Milano.

La scelta finale dovrà naturalmente tenere conto dell’andamento della pandemia e della campagna di vaccinazione.
Intanto, fa sapere Fiere di Parma, il 95% delle tremila aziende che avevano prenotato il proprio stand per Cibus 2020, poi cancellata, ha già confermato la propria presenza. Una risposta positiva sta arrivando anche dai buyer esteri: è previsto un budget di oltre 3 milioni di euro per favorire l'incoming. La scommessa degli organizzatori è quella di incrociare la progressiva ripresa produttiva e commerciale in Italia e nel mondo.


Condividi su: