Cibo, la grande fissazione

Cibo, la grande fissazione

Metà degli italiani ne parla tutti i giorni. Ad appassionarsi di più sono i giovani tra i 18 e i 34 anni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Settembre
2018

ll 51% degli italiani parla di cibo e di gusti tutti i giorni. La tendenza è registrata dalla ricerca di Squadrati "Italiani che parlano di cibo: un dibattito infinito" commissionata da Coca-Cola. L'analisi, realizzata su un campione di 1.504 intervistati di età compresa tra i 18 e i 64 anni, ha messo in luce quanto sia vera la percezione che nel nostro Paese parlare di gusti a tavola sia importante quanto lo stesso atto di mangiare. Dallo studio emerge che la propensione a parlare di cibo è più alta in percentuale nella maggior parte dei giovani nella fascia di età tra i 18 e i 34 anni con una quota che raggiunge il 58%.

I ricercatori spiegano che è la casa il regno delle discussioni sul cibo (80% degli intervistati), seguita a distanza da ristorante (53%) e ufficio (45%). Seguono i supermercati (34%), il bar (30%) e i social network (20%). L'82% degli italiani ritiene che quello del cibo sia un argomento serio con un 88% degli intervistati che ne parla mentre è a tavola. Di questi il 67% parla di ciò che sta mangiando, ma il 20% è già proiettato ai pasti successivi.

Il modo di dire legato al cibo più amato dagli italiani è "Parla come mangi" (44%). Si registra inoltre che nella classifica delle persone con cui capita più spesso di intavolare discussioni sul tema, gli amici conquistano il primo posto (segnalati dal 74% del campione) e battono il partner (al secondo con il 62% delle risposte), seguiti poi, in terza posizione, da genitori e colleghi (entrambi al 45%). In ultimo, sul perché il tema del cibo sia così rilevante nelle conversazioni, il 44% degli italiani non ha dubbi: perché è un piacere della vita.


Condividi su: