Cereali e legumi favoriscono il sonno dei bambini. Carne rossa e formaggi no

Cereali e legumi favoriscono il sonno dei bambini. Carne rossa e formaggi no

La SIPPS, attraverso il progetto Nutripiatto, descrive una sana alimentazione dell'età pediatrica che si abbina a una buona qualità del sonno

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Febbraio
2020

Il 35-40% dei bambini soffre di problemi di sonno durante la crescita e la percentuale aumenta nel primo anno di vita per la richiesta di poppate anche di notte. Un buon sonno e un'alimentazione sana sono connessi e per questo dalla SIPPS, Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, nell'ambito del progetto Nutripiatto, arrivano consigli per i genitori.

Da evitare

Le proteine di carne e pesce possono avere un effetto eccitante, meglio inserirle a mezzogiorno preferendo pasta, riso e cereali, con aggiunta di legumi.
Te, cioccolato, bevande con caffeina, broccoli, cime di rapa e formaggi stagionati sono da evitare dopo le 17, perché contengono tiramina, che può ostacolare il sonno e causare irrequietezza.
Niente sale nelle minestrine, il formaggio in quantità ridotte (5-10 grammi) e carne rossa non più di 1-2 volte a settimana: le proteine della carne in eccesso possono provocare sete e impedire al bambino di dormire. "L'eccesso di proteine nella dieta- spiega il dottor Leo Venturelli, responsabile comunicazione SIPPS - può provocare sete: il bambino urina di più per eliminare l'urea (prodotto di scarto delle proteine ) e ha il sonno disturbato".
Non bisogna esagerare con le verdure passate nella pappa a cena: possono provocare meteorismo e coliche addominali e quindi ostacolare il sonno.

Da favorire

Semaforo verde per gli alimenti con triptofano, l'aminoacido precursore della serotonina, l'ormone che favorisce la tranquillità, contenuto in latte, yogurt, riso, orzo, legumi, mandorle e pinoli.
Sì anche al potassio, in zucchine, albicocche, banane, carote, prugne, spinaci, pollo e yogurt. Ne sono ricche anche le patate che contengono zuccheri che agevolano l'utilizzo del triptofano.

Utile anche la vitamina B6, quindi latte, riso, orzo, carni bianche e banane:
Sì alle erbe: camomilla, biancospino, melissa, passiflora, tiglio, valeriana e verbena con cui preparare infusi e tisane per bimbi di più di un anno.


Condividi su: