Caseificio Val d’Aveto è di Sabelli

Caseificio Val d’Aveto è di Sabelli

Il gruppo marchigiano, con l'acquisizione della piccola azienda ligure, fa il suo ingresso nel mercato dello yogurt di alta qualità

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

03

Aprile
2018

Sabelli, industria casearia italiana a compagine familiare, prosegue nell'attività di acquisizioni e porta nel gruppo, dopo Trevisanalat, un’altra eccellenza italiana: il Caseificio Val d’Aveto, produttore di nicchia di yogurt colato e formaggi tradizionali nel segmento premium.
Caseificio Val d’Aveto nasce più di 25 anni fa con la produzione di formaggi tipici liguri e si specializza successivamente nella produzione di yogurt attraverso l’antica tecnica della colatura. Gli azionisti fondatori, le famiglie Cella-Pastorini e Fontana, rimarranno con quote di minoranza per dare continuità al business e proseguire con la tradizione. Caseificio Val d’Aveto, ubicato nell’entroterra ligure, ha generato nel 2017 un fatturato pari a 4 milioni di euro e vanta una crescita significativa dei volumi nei mesi recenti grazie alle richieste di clienti specializzati interessati ai prodotti premium del caseificio. Agli yogurt colati si affiancano formaggi freschi e stagionati tipici della tradizione ligure.

Sabelli continua la propria crescita anche per il tramite di acquisizioni in nicchie ad alto valore aggiunto che proiettano il gruppo caseario a raggiungere i 150 milioni di euro di fatturato consolidato. Fondato nel 1921 da Nicolangelo Sabelli, l'omonimo caseificio riprende l'attività nel dopoguerra con il figlio Archimede e cresce radicandosi nell’attuale stabilimento di Ascoli Piceno.
Nel 2016 Sabelli ha acquisito Trevisanalat dal fondo di private equity Alto Partners e messo le basi per un ruolo di leadership in Italia nel settore della produzione di mozzarelle e specialità casearie.
L’Advisor Oaklins Arietti ha originato l’operazione e assistito Sabelli. DLA Piper ha seguito gli aspetti legali per il compratore mentre i venditori sono stati assistiti dallo studio legale dell’avvocato Renato Mottola e dallo Studio Tributario Squeri Maurizio.


Condividi su: