Caffeina per dimagrire, nessun effetto a lungo termine

Caffeina per dimagrire, nessun effetto a lungo termine

Uno studio condotto negli USA ha dimostrato che la sostanza, aggiunta in parecchi integratori alimentari dimagranti, "non è un efficace sopressore dell'appetito"

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Luglio
2018

La caffeina fa dimagrire? Uno studio statunitense dice di no: non è un efficace soppressore dell'appetito, visto che non ha alcun effetto a lungo termine, se non qualche conseguenza virtuosa in un breve lasso di tempo. Di questo ne sono convinti i ricercatori del Buffalo State College il cui studio "Caffeine Transiently Affects Food Intake at Breakfast" è stato pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics. Quindi, se da una parte un lieve effetto positivo c'è stato (assumere una piccola quantità di caffeina al mattino porta a consumare il 10% in meno in una colazione a buffet come quella messa a disposizione dai ricercatori), dall'altra l'effetto smorza-fame non persiste durante il giorno e non ha avuto alcun impatto sulle percezioni dei partecipanti.

Sulla base di questi risultati, gli studiosi hanno concluso che la caffeina non è efficace come soppressore dell'appetito e come aiuto per la perdita di peso.
"La caffeina viene frequentemente aggiunta agli integratori alimentari dicendo che sopprime l'appetito e facilita la perdita di peso. Una precedente ricerca aveva ipotizzato che la caffeina accelerasse il metabolismo o influenzasse le sostanze chimiche del cervello che sopprimono l'appetito. Inoltre, l'evidenza epidemiologica suggerisce che i consumatori regolari di caffeina hanno un indice di massa corporea inferiore rispetto ai non consumatori. Lo scopo del nostro studio era di determinare se la caffeina potesse essere collegata a una riduzione dell'apporto alimentare o della mancanza di appetito", spiega la ricercatrice Leah M. Panek-Shirley. Ed ecco i risultati:
"Total laboratory energy intake was lower (∼10%) after 1 mg/kg caffeine (650.4±52.2 kcal at 1 mg/kg; 721.2±63.2 at 0 mg/kg; 714.7±79.0 at 3 mg/kg) (P=0.046). In the laboratory, appetite sensations were not significantly different by caffeine treatment. Out of the laboratory, neither total intake nor appetite was significantly different by caffeine treatment. There were no significant interactions between caffeine treatment and BMI on intake and appetite sensations in or out of the laboratory".


Condividi su: