Un Limoncello di Sorrento... spagnolo

Un Limoncello di Sorrento... spagnolo

Villa Massa, dal 1890 produttore della bevanda fatta con Limoni di Sorrento IGP, è passata al gruppo Zamora che "investirà nei valori tradizionali del marchio"

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Novembre
2017

Si chiama Zamora Company ed è il marchio spagnolo del beverage che ha formalizzato l’acquisizione delle partecipazioni del Limoncello Villa Massa, raggiungendo il 100% del capitale sociale. Dal 2006 la Zamora Company deteneva il 51% delle azioni dell’azienda di Piano di Sorrento, mentre il 49% era ancora di proprietà dei fratelli Stefano e Sergio Massa.

"L’acquisizione risponde all’impegno preso con la famiglia Massa di investire nei valori tradizionali del marchio, mantenendone l’identità e l’autenticità come nel caso dell’Igp Liquore di Limone di Sorrento e ampliando la visibilità globale della propria offerta", ha commentato Emilio Restoy, Ceo di Zamora Company. La società spagnola è una compagine familiare al 100% che produce e commercializza liquori e vini di marchi premium ed è presente in più di 80 Paesi, Zamora Company è composta da un team di 350 persone con un fatturato stimato di 160 milioni per il 2017.

Dal 1890 la famiglia Massa ha prodotto a Sorrento il liquore, rendendo Villa Massa una grande azienda con presenza globale, numero uno nella produzione di limoncello premium commercializzato in più di 50 Paesi. Oltre al limoncello, Villa Massa ha un portafoglio di altri liquori tradizionali della Costiera Sorrentina come il liquore di arance, mandarini, quello alle noci di Sorrento e oltre la crema di limoncello.

Villa Massa ha chiuso il 2016 con un fatturato di 7 milioni (+5%), dato per l’80% realizzato all’estero. La Spagna è il secondo mercato straniero di riferimento dopo gli Stati Uniti. Seguono Olanda, Belgio e Portogallo. 
Recente il lancio della variante kosher del limoncello (15mila litri prodotti sotto la supervisione di un rabbino) che punta a raggiungere il mercato israeliano.


Condividi su: