Budweiser e cannabis

Budweiser e cannabis

Anheuser-Busch InBev si allea con Tilray, la canadese produttrice di canapa, con l'obiettivo di lanciare sul mercato due bevande analcoliche con quel qualcosa in più

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Dicembre
2018

Anheuser-Busch InBev, il gruppo statunitense della birra a cui fanno capo Budweiser, Stella Artois e Bud Light, si allea con il gigante canadese della cannabis Tilray per portare avanti ricerche su bevande con canapa.
L'alleanza riguerda al momento solo il Canada, il primo grande mercato al mondo a legalizzare la marijuana.
L'operazione comporterà un investimento complessivo da parte delle due società di 100 milioni di dollari, destinati alla ricerca per bevande non alcoliche contenenti cannabis.

Intanto il titolo Tilray guadagna in borsa ben il 6,04%: l'alleanza è vista come l'ennesima conferma del boom dell'industria della marijuana alla quale un crescente numero di aziende tradizionali si rivolge scorgendone il grande potenziale.

''In Tilray portiamo avanti da cinque anni ricerca e sviluppo su diversi aspetti della cannabis - afferma l'amministratore delegato di Tilray, Brendan Kennedy - e l'obiettivo della partnership con Anheuser-Busch InBev è capire come poter creare e produrre bevande e marchi alla cannabis".
Il 2018 si sta rivelando un anno storico per la società canadese che, debutto assoluto sul mercato, si è quotata a Wall Street come primo produttore puro di marijuana, primo a raccogliere capitale con una quotazione su un listino americano.
Nei giorni scorsi ha rivelato un accordo di distribuzione con il gigante farmaceutico Novartis. E ora l'alleanza con il primo produttore al mondo di birra.

Anheuser-Busch InBev studia il mercato della cannabis da tempo ma si è mossa, secondo alcune fonti riportate della stampa americana, con maggiore cautela rispetto alle sue rivali temendo un effetto negativo sulla sua reputazione da un eventuale ingresso nell'industria della marijuana.

Ma il settore si sta già muovendo: Constellation Brands, il produttore della birra Corona, ha annunciato in agosto un investimento da 4 miliardi di dollari nella società canadese del settore Canopy Growth, che punta a sviluppare prodotti medici e ricreativi a base di cannabis per il Canada e altri mercati. La birra Molson Coors si è alleata quest'anno con la canadese Hydropothecary per lo sviluppo di bevande non alcoliche alla cannabis.

 


Condividi su: