Bologna, Rimini, Parma: tre Centri Agroalimentari si associano

Bologna, Rimini, Parma: tre Centri Agroalimentari si associano

Firmata l'intesa in Regione: serve innovare (e-commerce) e ottimizzare (tagliare i costi)

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Gennaio
2019

In Emilia-Romagna sono 19 i centri all'ingrosso ed è iniziata l'opera di ammodernamento ed efficientamento. Queste, almeno, sono le intenzioni delle governance visto che è stata firmata un'intesa fra i tre Centri Agroalimentari di Bologna (CAAB), Rimini (CAAR) e Parma (CAL), avviando un processo di aggregazione delle tre società di gestione, puntando a migliorare efficienza e competitività.

Il protocollo di intenti è stato sottoscritto dai presidenti Andrea Segrè (CAAB), Marco Core (CAAR) e Mirco Pari (CAL) e dagli assessori comunali Davide Conte (Bologna), Gianluca Brasini (Rimini) e Marco Ferretti (Parma), alla presenza di Andrea Corsini, Assessore al Commercio della Regione Emilia-Romagna, che ha promosso l'intesa e detiene quote di minoranza dei tre centri, a maggioranza comunale.

Per Corsini "lo scenario è profondamente cambiato, occorre rilanciare il ruolo di queste strutture puntando su servizi innovativi e sinergie operative compresa la partecipazione comune a fiere e congressi e soluzioni innovative in tema di e-commerce", verso un "contenimento dei costi e un rafforzamento della collaborazione pubblico-privato".


Condividi su: