Bollicine sempre più internazionali: +9% l'export

Bollicine sempre più internazionali: +9% l'export

Continua inesorabile l'aumento degli invii di spumanti italiani in tutti i mercati mondiali. Grandi exploit in Francia (+24%) e Russia (+23%). Prosecco, Asti e Franciacorta i top seller

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

28

Gennaio
2020

"Record storico" per le bollicine italiane all’estero, dove finiscono circa i 3/4 delle 750 milioni di bottiglie prodotte in Italia nel 2019, grazie a un balzo del 9% nelle esportazioni. Ce lo comunica Coldiretti sulla base dei dati ISTAT relativi ai primi dieci mesi dell’anno. Un risultato senza precedenti per lo spumante che primeggia davanti allo champagne francese, registrando proprio nel mercato d'Oltralpe un clamoroso +24% delle esportazioni, con la Francia che è diventata il quarto Paese acquirente nel mondo.

Il Regno Unito, in attesa della Brexit, si conferma il primo mercato di sbocco delle spumante italiano con le bottiglie esportate che fanno registrare un aumento del 4% nelle vendite, mentre gli Stati Uniti sono al secondo posto con un + 13% pur in presenza di tensioni commerciali. In posizione più cauta la Germania che rimane il terzo consumatore mondiale di spumante italiano pur registrando un calo dell’11% rispetto all’anno precedente.

Lo spumante italiano - sottolinea Coldiretti - piace molto anche in Russia visto l’incremento del 23% nonostante le tensioni causate dal perdurare dell’embargo su una serie di prodotti agroalimentari made in Italy

Nella classifica delle bollicine italiane preferite nel mondo ci sono tra gli altri il Prosecco, l’Asti e il Franciacorta ma - sottolinea Coldiretti - si è verificato anche un processo di qualificazione e differenziazione che ha spinto la domanda nazionale e internazionale.
Sul successo degli spumanti nel mondo - denuncia Coldiretti - pesa però la contemporanea crescita delle imitazioni in tutti i continenti dove sono in vendita bottiglie di improbabili Kressecco e Meer-Secco prodotte in Germania che richiamano palesemente all'italiano Prosecco.


Condividi su: