Blockchain: l'Italia sottoscrive l'accordo di sviluppo MED7

Blockchain: l'Italia sottoscrive l'accordo di sviluppo MED7

Le nuove tecnologie basate su registri distribuiti (DLT) possono giocare un ruolo determinante nello sviluppo dei Paesi del Sud Europa. Il MiSE avvia sperimentazioni per la tutela del made in Italy

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Dicembre
2018

L’Italia ha sottoscritto una dichiarazione sullo sviluppo della blockchain nell’ambito del MED7, il gruppo costituito da sette Paesi del Sud Europa: Italia, Spagna, Francia, Malta, Cipro, Grecia e Portogallo.

Nella dichiarazione si riconosce come la blockchain e, più in generale, le tecnologie basate su registri distribuiti (DLT) possano giocare un ruolo determinante nello sviluppo di questi Paesi. Secondo una nota del MiSE "è necessario, pertanto, creare un coordinamento anche tecnico tra i Paesi, per sperimentare l’utilizzo di queste tecnologie e di quelle emergenti (5G, Internet of Things, AI)". 

Nei negoziati che hanno preceduto la firma della dichiarazione, l’Italia ha rimarcato come risulti

determinante favorire la conoscenza e la sperimentazione delle tecnologie emergenti a tutti i livelli e assicurare che, nella costruzione di una cornice giuridica di riferimento, venga garantito il mantenimento del loro carattere decentralizzato.

Si legge nella dichiarazione congiunta: "Trattandosi di una tecnologia fondata sulla fiducia, guardiamo alle tecnologie basate su registri distribuiti come potenziali elementi di svolta attraverso l’utilizzo di smart contract in ambiti quali la certificazione dell’origine dei prodotti, l’istruzione, i trasporti, la mobilità, la navigazione marittima, i registri catastali, le dogane, gli albi delle imprese e la sanità, fra gli altri, per trasformare il modo in cui tali servizi sono erogati. Ciò può determinare non solo il potenziamento dei servizi di e-government ma anche una maggiore trasparenza e minori oneri amministrativi, una migliore riscossione di diritti doganali e un migliore accesso alle informazioni pubbliche".

“Il nostro impegno è rivolto a rendere l’Italia un Paese leader nello sviluppo e nella sperimentazione della blockchain, nel bacino Mediterraneo e in Europa. Al Ministero dello Sviluppo Economico abbiamo avviato delle sperimentazioni per la tutela del made in Italy. I fondi stanziati con la legge di bilancio rafforzeranno queste sperimentazioni che accompagniamo con la creazione di una prima cornice giuridica di riferimento per la tecnologia blockchain”, ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio.

Dichiarazione MED7


Condividi su: