Biologico: proroga al 2022

Biologico: proroga al 2022

È di questi giorni la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Ue dello slittamento al 2022 dell'entrata in vigore della normativa sul biologico

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Novembre
2020

Rimandata di un anno, dal 1° gennaio 2021 al 1° gennaio 2022, l'entrata in vigore del Regolamento (UE) 2018/848 che ridefinisce l'intero quadro normativo in materia di produzione ed etichettatura dei prodotti biologici.

Con il Regolamento (UE) 2020/1693 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’11 novembre 2020 "che modifica il regolamento (UE) 2018/848 relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici per quanto riguarda la sua data di applicazione e alcune altre date in esso previste", pubblicato sulla GUCE n. L 381/1 del 13/11/2020, le istituzioni dell'UE hanno preso in considerazione le richieste delle organizzazioni di categoria preoccupate per il ritardo accumulato nel percorso di transizione verso il nuovo quadro normativo. Un ritardo da attribuire in parte alla situazione di emergenza derivata dalla pandemia da Covid 19.

Il testo del Regolamento 2018/848 deve essere ancora completato con una serie di atti secondari sui quali la Commissione UE sta lavorando, che daranno origine ad altri Regolamenti che interverrano anche sulle tecniche di produzione vegetale e trasformazione e non solo sulla parte relativa alla zootecnia.

Sono ancora parecchie le tematiche da affrontare e regolamentare: la classificazione di antiparassitari e fertilizzanti, l'utilizzo di aromi, additivi alimentari e coadiuvanti, l'inserimento di sostanze ammesse per la pulizia e la disinfezione degli impianti di trasformazione alimentare oltre all'armonizzazione delle modalità di gestione e conservazione delle registrazioni rilevanti ai fini della tracciabilità, del controllo di qualità interno e per la valutazione delle conformità.

Photo credits Kate Trysh


Condividi su: