Bellanova bacchetta la GDO: basta con il sottocosto

Bellanova bacchetta la GDO: basta con il sottocosto

"No alle continue campagne promozionali. Sì all'equilibrio di filiera e all'alleanza con i consumatori"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Settembre
2020

"Alla grande distribuzione ho chiesto una cosa precisa: no alle continue campagne promozionali di vendita sottocosto". Lo ha detto oggi la Ministra Teresa Bellanova a San Casciano Val di Pesa in un incontro con le associazioni di categoria e gli agricoltori toscani. 

"Promuovere i prodotti a prezzo scontato va bene una volta - ha proseguito la Ministra - farlo in continuazione significa incidere negativamente sugli equilibri di filiera, scaricare sulle parti più deboli quel mancato guadagno, produrre disinformazione per i consumatori".

Sì perché se il cibo italiano significa qualità lungo tutte le fasi dal campo alla tavola, bisogna essere consapevoli che quella qualità ha un costo maggiore rispetto a prodotti realizzati in altre parti del mondo magari con standard differenti, nell'uso dei prodotti chimici o nelle fasi di produzione e trasformazione.
Il sottocosto "rischia di alimentare la concorrenza sleale tra le imprese e nuocere anche alla salute delle persone. Penso a un'alleanza con GDO e consumatori virtuosa - ha concluso Bellanova - che non penalizzi i produttori ma esalti il loro lavoro e i loro sforzi per continuare a garantire eccellenza".


Condividi su: