Aspiranti assaggiatori di olio di oliva: c'è il corso

Aspiranti assaggiatori di olio di oliva: c'è il corso

Seminario permanente Luigi Veronelli e AIRO di nuovo insieme per la seconda edizione del corso per l'idoneità fisiologica all’assaggio di oli d’oliva

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Settembre
2018

"Ciascuno avverte che è in corso un epocale mutamento sociale che coinvolge appieno l'agricoltura. Il divenire del comparto olio d'oliva, per certi aspetti rivoluzionario, è già iniziato...". Luigi Veronelli apriva così la strada 17 anni fa a una nuova cultura dell’olio, alimento dalle proprietà e potenzialità straordinarie, oggi al centro dell’attenzione dei consumatori. Dopo il consenso riscosso dalla prima edizione, Seminario Permanente Luigi Veronelli, associazione per la cultura del vino e degli alimenti, e AIRO, Associazione Internazionale Ristoranti dell’Olio, presentano il secondo corso per aspiranti assaggiatori di olio d’oliva.

Il percorso di formazione prenderà avvio lunedì 24 settembre al Best Western Plus Hotel Galles a Milano, e consentirà ai partecipanti - ristoratori, operatori della distribuzione e appassionati - di apprendere le virtù organolettiche, salutistiche e culturali dell’olio d’oliva, ottenendo, previo il superamento delle prove finali, l’attestato di idoneità fisiologica all’assaggio di oli d’oliva riconosciuto dal MIPAAFT, utile all’iscrizione nell’Elenco nazionale di tecnici ed esperti degli oli di oliva vergini ed extravergini.

Il percorso di studio si articola in un programma su tre livelli e sarà condotto da agronomi, assaggiatori, consulenti e giornalisti specializzati. Si partirà con lo studio della tecnica di assaggio e con l’approfondimento della filiera dell'olio extravergine d'oliva, dagli aspetti agronomici alla conservazione.
Il secondo livello consentirà di ampliare il bagaglio delle conoscenze acquisite, puntando l’attenzione sulla valorizzazione a tavola dell'olio extravergine d'oliva, sul suo uso in cucina e sulla sua valenza nutraceutica, comparando la produzione, la promozione e le caratteristiche specifiche degli oli d’oliva italiani con prodotti esteri.

Nei primi due livelli i partecipanti si cimenteranno con prove pratiche di assaggio, assaggiando oltre 60 oli EVO, e apprenderanno le modalità di abbinamento olio-cibo incontrando produttori e chef associati AIRO.
Il terzo livello, infine, si concentrerà sullo svolgimento delle prove selettive secondo il metodo COI, condotte dal Capo Panel responsabile del corso.

Le lezioni saranno condotte da docenti con esperienza internazionale, tra i quali Franco Pasquini, presidente di ANAPOO, Cristian Marinelli, chimico e assaggiatore professionista di olio d’oliva, Alessandro Parenti, professore dell’Università di Firenze, Giacomo Trallori, gastroenterologo, Fiammetta Nizzi Grifi, Capo Panel DOP Chianti Classico e Alberto Grimelli, agronomo e direttore di Teatro Naturale.


Condividi su: