Anche il pesto

Anche il pesto "patrimonio dell'umanità"?

In Liguria grande mobilitazione con eventi e gare per spingere l'ammissione del celeberrimo prodotto genovese nel "tentative list" italiana dell'Unesco

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Marzo
2018

Menù e vetrine, pestate al mortaio collettive in oltre 80 comuni liguri, flash mob gastronomici, fuochi d'artificio verdi e il momento topico con il Campionato Mondiale del Pesto al Mortaio che si terrà a Palazzo Ducale sabato 17 marzo. Genova e la Liguria si coloreranno di verde-basilico, per un'intera settimana, dal 12 al 18 marzo, a sostegno della candidatura del "Pesto Genovese al Mortaio" a patrimonio Unesco. L'iter era iniziato nel 2015 e la domanda dovrebbe, a breve, essere presa in considerazione dal Comitato Interministeriale italiano dell'Unesco, perché il "Pesto al Mortaio" possa essere ammesso nella tentative list e quindi procedere lungo il percorso internazionale. A dare più forza alla richiesta sarà la mobilitazione di cittadini e categorie economiche, che culminerà in una raccolta di firme e che ha già come primi testimonial personaggi come Gianni Morandi, e poi il Genoa e la Sampdoria.

Sabato 17 marzo saranno 100 concorrenti (50 liguri, 25 italiani e 25 dall'estero) a sfidarsi per il VII Campionato Mondiale del Pesto al mortaio. Ad allietare la competizione un flash mob, la distribuzione di trofiette e gelato al pesto, e uno spettacolo pirotecnico. Domenica la festa si sposterà in 80 piazze liguri per una "pestata" collettiva. 


Condividi su: