Anche il pesto

Anche il pesto "patrimonio dell'umanità"?

In Liguria grande mobilitazione con eventi e gare per spingere l'ammissione del celeberrimo prodotto genovese nel "tentative list" italiana dell'Unesco

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Marzo
2018

Menù e vetrine, pestate al mortaio collettive in oltre 80 comuni liguri, flash mob gastronomici, fuochi d'artificio verdi e il momento topico con il Campionato Mondiale del Pesto al Mortaio che si terrà a Palazzo Ducale sabato 17 marzo. Genova e la Liguria si coloreranno di verde-basilico, per un'intera settimana, dal 12 al 18 marzo, a sostegno della candidatura del "Pesto Genovese al Mortaio" a patrimonio Unesco. L'iter era iniziato nel 2015 e la domanda dovrebbe, a breve, essere presa in considerazione dal Comitato Interministeriale italiano dell'Unesco, perché il "Pesto al Mortaio" possa essere ammesso nella tentative list e quindi procedere lungo il percorso internazionale. A dare più forza alla richiesta sarà la mobilitazione di cittadini e categorie economiche, che culminerà in una raccolta di firme e che ha già come primi testimonial personaggi come Gianni Morandi, e poi il Genoa e la Sampdoria.

Sabato 17 marzo saranno 100 concorrenti (50 liguri, 25 italiani e 25 dall'estero) a sfidarsi per il VII Campionato Mondiale del Pesto al mortaio. Ad allietare la competizione un flash mob, la distribuzione di trofiette e gelato al pesto, e uno spettacolo pirotecnico. Domenica la festa si sposterà in 80 piazze liguri per una "pestata" collettiva. 


Condividi su: