Agricoltori arrabbiati, avanzano soldi dallo Stato

Agricoltori arrabbiati, avanzano soldi dallo Stato

Asnacodi e Coldiretti sono scesi in piazza a Roma per manifestare contro l'estrema lentezza dei rimborsi comunitari per le calamità climatiche. 500 milioni è il debito in capo al MiPAAF

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

31

Maggio
2018

Agricoltori  in piazza a Roma davanti al Ministero delle Politiche agricole contro lo Stato che deve loro mezzo miliardo per il mancato versamento dei contribuiti per le assicurazione contro le calamità nelle campagne. L'allarme è stato lanciato da Asnacodi (Associazione dei Consorzi di Difesa) e Coldiretti in via XX Settembre. "La burocrazia fa più danni della grandine", "stato di calamità o Calamità di Stato?", "il clima cambia, i ritardi restano", si legge sui cartelli che gli agricoltori provenienti da tutta Italia hanno esposto per protesta. La manifestazione è stata organizzata da Asnacodi e Coldiretti che denunciano il rischio di perdere per colpa della burocrazia centinaia di milioni di risorse comunitarie destinate a fronteggiare gli ingenti danni provocati dai cambiamenti climatici.

Gli agricoltori, sottolinea Asnacodi, dopo mesi di attesa devono ancora riscuotere più di 500 milioni dall'AGEA controllata dal Ministero delle Politiche Agricole per gli anni 2015-2016-2017 per le polizze assicurative contro i danni causati dal maltempo.

L'AIA, Associazione italiana allevatori,ha sostenuto la protesta in quanto il mancato saldo da parte di AGEA sta mettendo in seria difficoltà anche il settore zootecnico.

Che cosa risponde il MiPAAF

Il Ministero delle politiche agricole ha confermato i ritardi. In una nota, ha infatti comunicato che a fronte di un contributo richiesto da parte degli agricoltori che hanno aderito alla misura assicurazioni agevolate pari a circa 400 milioni di euro riferito alle campagne 2015 e 2016, alla data odierna sono stati erogati contributi pari a circa 177 milioni di euro (poco più del 44% dei 400 milioni richiesti), nei quali non sono compresi i 66 milioni di euro pagati con fondi FEAGA per le polizze sull'uva da vino, e che sono in fase di completamento le procedure di controllo a carico delle rimanenti richieste, che permetteranno di erogare rimborsi per ulteriori 197 milioni di euro entro il 31 dicembre 2018.

I pagamenti previsti sulle campagne 2015 e 2016 sono così programmati: 13 milioni entro il 15 giugno 2018; 30 milioni entro il 30 giugno 2018; 20 milioni entro il 31 luglio 2018; 51 milioni entro il 30 settembre 2018; 49 milioni entro il 31 ottobre 2018; 34 milioni entro 31 dicembre 2018.

Sulle rimanenti domande, per un contributo concedibile pari a circa 26 milioni di euro, in parte ancora da formalizzare, sono in corso le relative verifiche al fine di allineare i dati presenti a sistema e procedere ai conseguenti pagamenti.
Con riferimento alla campagna 2017 che, sulla base delle polizze ad oggi pervenute, prevede un contributo concedibile pari a circa 170 milioni di euro, occorre che "il sistema dei CAA e dei Consorzi di difesa si impegnino a fondo per portare a terminare il caricamento dei certificati di polizza e accelerare le procedure di presentazione delle domande di sostegno. A fronte infatti di circa 125 mila piani assicurativi della campagna 2017, sono state presentate solo 31 mila domande di sostegno. A questo proposito - sostiene il MiPAAF nella nota -  è importante precisare che solo a carico delle domande che saranno presentate entro il 31 luglio 2018, sarà possibile completare le procedure di controllo e procedere all'erogazione dei rimborsi previsti entro il 31 dicembre 2018. Proprio per far fronte a tali esigenze e per gestire una situazione resa estremamente complessa anche a causa della difficoltà di reperire documentazione sulle rese produttive individuali realizzate nel quinquennio antecedente alla campagna assicurativa, è stata attivata una task force cui partecipano esperti Mipaaf, Agea e Ismea, che si relaziona continuamente con il sistema dei Consorzi di difesa e dei CAA in modo da assicurare il monitoraggio costante della situazione e la gestione di tutte le problematiche mammano che queste emergono in base ai controlli in corso".

Il Mipaaf informa infine che il bando relativo alle assicurazioni agevolate nel settore zootecnico e delle strutture aziendali sarà adottato in data 30 maggio 2018.


Condividi su: