Acque destinate al consumo umano: aggiornati standard qualità

Acque destinate al consumo umano: aggiornati standard qualità

Rivisti i paramentri per cromo, piombo, PFAS, microcistine, uranio, Legionella, sottoprodotti di disinfezione emergenti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Febbraio
2021

Quasi tre anni dopo l’emanazione del testo proposto della Commissione Europea, è stata adottata la Direttiva (UE) 2020/2184, rifusione della direttiva sulla qualità delle acque destinate al consumo umano. "Il pacchetto varato converge su un testo - commenta Remo Tavernari, Attaché Ambiente e Infrazioni ambientali della Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea - in cui molti fondamentali elementi politici e tecnici sono stati introdotti a favore della protezione della salute e dell’ambiente, citerei tra tutti il dare concreta attuazione alla prima iniziativa popolare dei cittadini europei per l’accesso sicuro all’acqua potabile. Oltre all’accesso all’acqua ricordo l’analisi di rischio, la qualità di reagenti e prodotti a contatto con le acque, la regolamentazione sui PFAS".

"La normativa oggi in vigore - ha dichiarato Pasqualino Rossi della Direzione Generale Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute - sta garantendo in generale acqua salubre e pulita per uso umano nei diversi Paesi, ma i criteri di protezione datati più di 20 anni si fondavano sul controllo di un set molto limitato di parametri prestabiliti ai rubinetti e quindi perseguivano approcci retrospettivi. Era quindi urgente un riposizionamento verso le più moderne conoscenze scientifiche che orientano la prevenzione".

Il recepimento della nuova direttiva è straordinariamente impegnativo perché sta interessando l’intero corpus normativo di rilevanza sul tema salute-acqua-clima.

Luca Lucentini, Direttore del Reparto Acqua e Salute dell’ISS definisce le prospettive della nuova direttiva per il nostro Paese e per l’Istituto. "Il testo concordato è partito dalla revisione tecnico-scientifica degli standard di qualità delle acque potabili che risalivano a più di 25 anni fa, cogliendo e estendendo le raccomandazioni dell’OMS, nel senso di costruire un obiettivo globale e ambizioso di prevenzione, ancorato allo stato delle conoscenze e ispirato non solo all’innovazione tecnologica e metodologica ma anche alla volontà di ridurre sostanzialmente gli impatti dannosi dell’inquinamento sulle nostre risorse naturali e sulla salute umana”.

I contenuti della nuova direttiva riguardano l’aggiornamento di molti standard di qualità delle acque rispetto a possibili pericoli per la salute umana, come nel caso del cromo, del piombo, dei PFAS, delle microcistine, dell’uranio, della Legionella o di sottoprodotti di disinfezione emergenti, ma sono prima di tutto indirizzati a garantire l’interazione completa e efficace del settore sanitario, ambientale, dei servizi idrici e di ogni altro portatore di conoscenza, promuovendo formazione e ricerca
Questa è la via di elezione per prevenire ogni rischio correlabile alle acque, compreso il potenziale ruolo della depurazione nell’abbattimento dell’antibiotico-resistenza o della contaminazione delle acque potabili da inquinanti cosiddetti emergenti.  
Il settore delle acque può essere un modello apripista per altre interazioni salute-ambiente-clima: "la recente finalizzazione del Regolamento Europeo sul riuso delle acque - conclude Lucentini - dimostra come la prevenzione sanitaria sia un indispensabile presidio per scelte ambientali a supporto dell’economia circolare".

Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 28 marzo 2019 sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano

Fonte: Quotidiano sanità

Photo by Ryan Bruce


Condividi su: