"Acetaie aperte"

Il 24 settembre parte il viaggio alla scoperta del condimento ottenuto da mosti d'uva fermentati, cotti e concentrati. In programma visite guidate, tra DOP e IGP, in 37 acetaie

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Settembre
2017

Domenica 24 settembre in 37 acetaie visite guidate, degustazioni, showcooking e possibilità di fare merende o aperitivi "balsamici". Questo è il programma del tradizionale evento Acetaie Aperte, la giornata interamente dedicata all'oro nero di Modena in tutte le sue declinazioni organizzata dal Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena e dal Consorzio Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP per far conoscere al pubblico come nasce questo prezioso alimento dalla storia secolare.

Sono 37 le acetaie aderenti nella Provincia di Modena che propongono visite guidate in azienda, con la possibilità di assistere alle varie fasi di produzione e degustazioni del prezioso alimento in abbinamento ad altri prodotti di eccellenza del territorio. Sia l'Aceto Balsamico di Modena IGP sia l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, le due denominazioni coinvolte nella giornata, son un punto di riferimento a livello nazionale tra tutte le indicazioni geografiche, con centinaia di produttori, dalle piccole realtà familiari alle grandi aziende. 

La produzione di Aceto Balsamico di Modena IGP supera infatti ad oggi i 90 milioni di litri l’anno - nel 2016 si è arrivati a 94,2 - e viene esportata per oltre il 90% in 120 Paesi di tutto il mondo.

 

Cifre importanti, come importante è fatturato che colloca l’Aceto Balsamico di Modena IGP nella top ten del paniere delle specialità italiane e incoronano la provincia di Modena al secondo posto tra i bacini enogastronomici italiani per valore da prodotti DOP e IGP. In particolare, degli oltre 94 milioni di litri prodotti, quasi 74 milioni di litri sono indirizzati verso l’imbottigliamento mentre i restanti sono destinati all’affinamento e invecchiamento.

Il successo di "Acetaie aperte" conferma quella tendenza crescente fra i turisti italiani e stranieri a eleggere come mete di viaggio i territori in cui la componente enogastronomica è fortemente presente.
Per maggiori informazioni e conoscere le acetaie aperte, è possibile consultare il sito della manifestazione.


Condividi su: