A Gragnano, la pasta fa festa

A Gragnano, la pasta fa festa

Torna dall'8 al 10 settembre l'evento dedicato alla pasta IGP campana. Cuochi stellati la proporranno in tutte le salse. Ma senza dimenticare quella del giorno dopo

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Agosto
2017

A settembre, dopo quattro anni di assenza, è in calendario la festa della Pasta di Gragnano. Lo annunciano Giuseppe Di Martino e Maurizio Cortese, rispettivamente Presidente e Direttore del Consorzio della Pasta di Gragnano IGP, quando parlano di una rassegna articolata su tre giornate che vedrà come protagonista assoluta la pasta.
Si parte venerdì 8 settembre: nella centralissima via Roma saranno montate le cucine che permetteranno agli chef interpreti della tradizione campana di preparare primi piatti per gli ospiti della festa utilizzando i prodotti di eccellenza degli undici pastifici del Consorzio Pasta di Gragnano IGP.
A partire dalle 20 lo chef Alfonso Caputo dello stellato Taverna del Capitano coordinarà i cuochi del territorio per la serata dedicata alla pasta al pomodoro, con la presenza dei migliori produttori campani: saranno utilizzate, infatti, materie prime del territorio. "Si fa presto - spiegano gli organizzatori - a dire pasta al pomodoro: sono tante le varietà, gli abbinamenti e le ricette possibili per questo abbiamo voluto il gotha dei produttori campani di pomodoro".

La sera di sabato 9 settembre, invece, sarà il trionfo di un classico della cucina campana: la pasta del giorno dopo. Lo chef Peppe Guida del ristorante stellato Antica Osteria Nonna Rosa, darà libero spazio alla sua fantasia nelle rielaborazioni della pasta: un modo per combattere gli sprechi alimentari continuando ad esaltare il gusto dei primi piatti.

Si chiude domenica a pranzo con due intramontabili della tavola partenopea delle feste: la Genovese e il Ragù. Il gran finale sarà affidato a tre chef: insieme ad Alfonso Caputo e Peppe Guida sarà presente Alfonso Iaccarino, testimonial della Pasta di Gragnano IGP nel mondo.

Immancabili gli spettacoli. Venerdì sera, alle 22, al termine delle degustazioni, esibizione del "comico fondamentalista napoletano" Simone Schettino e, a seguire salirà sul palco il giovane ballerino tedesco Sven Otten che spopola nelle piazze e fa impazzire il web per il suo particolare ballo. Sabato sera i riflettori saranno per il cantautore e sassofonista, Enzo Avitabile. Tutte le performance si terranno nello stadio di Gragnano al termine delle degustazioni.
Durante le tre giornate saranno presenti artisti di strada.


Condividi su: