2017, il successo dell'ortofrutta

2017, il successo dell'ortofrutta

Secondo il Rapporto Macfrut i consumi delle famiglie italiane sono aumentati nei primi due mesi dell'anno: frutta + 4%, verdura +5%

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

26

Aprile
2017

I consumi di frutta e verdura domestici nei primi due mesi dell'anno in corso hanno fatto registrare la migliore performance degli ultimi 17 anni di rilevazioni. Lo afferma il Rapporto del Macfrut Consumers' Trend che ha rilevato un incremento del 4%, dato che assume una rilevanza ancora maggiore nel contesto climatico nel quale è maturato.


"La morsa del gelo, che ha afflitto l'Italia nei primi mesi dell'anno, ha causato molti problemi alla produzione, alla logistica e alla distribuzione - spiega il Rapporto - A fronte di carenze di merce nei punti vendita, di approfondimenti televisivi e servizi sui tg, di cartelli con scuse da parte delle catene per la mancanza di alcune referenze, il consumatore non si è fatto abbattere: infatti nel bimestre gennaio-febbraio i volumi acquistati di frutta e verdura nel nostro Paese sono stati superiori rispetto allo stesso periodo del 2016".


Nel dettaglio dei numeri, con circa 1,3 milioni di tonnellate, gli acquisti di frutta e verdura, sono stati maggiori del 4% sullo scorso anno, periodo nel quale non si rilevarono contingenze climatiche come quelle registrate nei mesi scorsi.

In un panorama complicato dal maltempo la frutta è stata acquistata per volumi superiori alle 711 mila tonnellate (+4% sul primo bimestre 2016), mentre gli ortaggi per oltre 590 mila tonnellate (+5%). Per entrambe le macro categorie i quantitativi del gennaio - febbraio 2017 sono stati i più elevati della serie storica elaborata da Cso Italy a disposizione dal 2000. Questo nonostante l'aumento di prezzi dell'ortofrutta giunta, nel periodo in esame, a 1,62€/kg medi (+3% sul 2016); nello specifico la frutta è stata acquistata mediamente a 1,47€/kg (+2%) e gli ortaggi a 1,80€/kg (+3%).
Sul fronte prezzi medi la situazione climatica ha avuto queste ripercussioni: +11% zucchine, +7% pomodori, +6% melanzane, +5% finocchi, peperoni e radicchi.


Condividi su: